News

Rete nazionale a costo zero

15/07/2013

Rete nazionale a costo zero

Il 16 giugno scorso, per la prima volta, la rete nazionale a costo zero per due ore
Una giornata particolare, domenica 16 giugno 2013. Per due ore, fra le 14 e le 16, gli italiani hanno ricevuto l'energia elettrica gratis. Il prezzo d'acquisto in Borsa del kilowattora è caduto a zero su tutto il territorio nazionale, perché in quelle ore il sole, il vento e l'acqua fluente hanno coperto completamente tutto il fabbisogno elettrico italiano. Erano già successi episodi di questo genere, limitatamente al prezzo zonale della Sicilia, ma mai sul valore nazionale.


Oltre la metà
È stato un evento speciale, che però non resterà isolato: casi analoghi sono destinati a ripetersi, con il progressivo aumento della quota di rinnovabili sul mix energetico nazionale. Negli ultimi due mesi, maggio e giugno, ad esempio, le fonti pulite hanno coperto più del 50 per cento della produzione elettrica complessiva. Nel 2012 hanno sfiorato il 28%, superando i 90 terawattora prodotti, secondo il recente consuntivo del Gestore dei Servizi Energetici. Quest'anno, è prevedibile che sfonderemo i 100 terawattora, avvicinandoci all'obiettivo della strategia energetica nazionale, che punta a 130 terawattora rinnovabili al 2020, cioè una quota del 35-38% sulla produzione elettrica nazionale. Malgrado gli investimenti nelle fonti pulite siano rallentati, il mercato italiano nel 2012 ha attirato quasi 15 miliardi d'investimenti nelle installazioni di energia verde, che continuano a crescere e superano ormai quota 600 mila impianti, grazie ai costi in forte calo e alla crescente competitività delle rinnovabili con le fonti tradizionali. L'idroelettrico copre ancora quasi metà della produzione verde (43 terawattora) e il resto è abbastanza equamente distribuito tra fotovoltaico (18 terawattora), eolico (13) e biomasse (12), oltre a un contributo più modesto del geotermico (5 terawattora).
 

-

ASSISTENZA TECNICA

contatti

info@greenquadro.it

0721 403917

331 8478477

-